La prima mostra provinciale. Pisa, aprile 1930

1 Mostra di Arte

Pisa, Aprile 1930 – VIII

A cura del Sindacato Artisti

Comitato Provinciale della Confederazione professionisti ed artisti

 

-----------------

COMITATO D’ONORE

PRESIDENTE: DOMENICO SOPRANO, Prefetto della Provincia di Pisa

GUIDO GUIDI BUFFARINI, Podestà di Pisa

PIERO CUPELLO, Segretario della Federazione Provinciale del Partito Nazionale Fascista

GIACOMO DI GIACOMO, Presidente Confederazione Nazionale Professionisti ed Artisti

CIPRIANO EFISIO OPPO, Segretario Nazionale del Sindacato Artisti

GABRIELE PARESCE, Ispettore per la Toscana della Confederazione Nazionale Sindacati Professionisti ed Artisti

ANTONIO MARAINI, PLINIO NOMELLINI

 

COMITATO ESECUTIVO

RANIERI FIASCHI, Presidente del Comitato Provinciale della Confederazione Professionisti Artisti

DE BACCI VENUTI, Fiduciario della Sezione Pisana del Sindacato Artisti

PIERO BERGONZI, Segretario dell’Unione Industriali e dell’Artigianato

GIULIO BUONCRISTIANI, FORTUNATO CINI, ALBERTO NICCOLAI, ALVARO PINELLI, FEDERIGO SEVERINI,

FRANCESCO TELLINI, ORESTE ZOCCHI

 

Ufficio di Segreteria presso la Mostra

DE BACCI VENUTI, Ispettore;FRANCESCO TELLINI, Cassiere

 

--------------------

COMITATO PROVINCIALE PROFESSIONISTI ED ARTISTI

Sala Ufficio Fiumi e Fossi, Pisa, 27 Marzo 1930.

La Commissione per l’aggiudicazione del premio del Concorso bandito dal Comitato Provinciale delle Confederazioni Professionisti ed Artisti, per il Cartello della Mostra d’Arte Provinciale, composta dei Signori:

NOMELLINI PLINIO, pittore; FIASCHI RANIERI, ingegnere; GARDELLI AUGUSTO, pittore

si è riunita la sera del 27 marzo 1930 alle ore 19, e dopo un attento esame dei bozzetti presentati, considerato che il Concorso, non solo come quantità numerica, ma anche per la eccellenza della maggior parte dei progetti presentati corrisponde pienamente ai fini dell’arte ed agli scopi prefissi dal bando di concorso, esprime unanimemente il proprio compiacimento verso tutti gli artisti concorrenti che si sono dimostrati consci delle gloriose tradizioni di Pisa e, tenuto conto dei criteri per i quali il concorsi è stato bandito, stabilisce di aggiudicare il I Premio al progetto distinto col motto “Scuola d’Arte n. 5„ di cui è risultato autore il Signor DANTE MOROZZI.

La Commissione suggerisce inoltre al Comitato di utilizzare eventualmente a scopo di richiamo, sia come cartolina, o come copertina di catalogo, il progetto distinti col motto «Orate Fratres» del quale sono risultati autori i signori: R. GEMIGNANI – B. SANTOCHI.

La Commissione di compiace pure di segnalare a titolo di merito i seguenti progetti:

Motto: Eja 4 (*)

»     Luna

»     Aspirazione

»     Pisana Civitas

»     Italia.

(*) I nomi corrispondenti rispettivamente ai motti suddetti sono quelli di Eugenio Sementa; Prof. D. Salvestrini; Giovanni Acquaviva; Severini Federigo e Giulio Buoncristiani; Guido Cerri.

 

--------------------------------------------------------------------------------------------

 

SULLA TRADIZIONE ARTISTICA IN PISA


Una esposizione d’arte a Pisa non può sorprendere alcuno quando si pensi che la Città, per chi la visiti con devozione e fornito di quella elementare cultura necessaria a comprendere ed amare il bello, è di per se stessa una visione di bellezza che ha caratteristiche proprie, tutte le grazia toscana, fresca e pura come una primavera in fiore. Nella sua regione Pisa contende a Firenze, cronologicamente parlando, il primato nel campo dell’arte e fors’anche, come qualche nobile studioso va affermando, della letteratura; e, attraverso tempi ed eventi, ha costituito sempre un focolaio di attività, donde liberalmente è partita la scintilla animatrice per tutta la penisola. Dal sec. XI, quando Buscheto iniziava la Cattedrale, cui più tardi lavorava Rainaldo; e fiorivano S. Sisto, S. Piero a Grado, S. Frediano, S. Paolo a Ripa d’Arno, S. Pierino, S. Andrea Fuori Porta e per la lucchesia e il pistoiese si diffondevano i motivi della sua arte, e più tardi Giovanni di Simone ideava il bel S. Francesco e l’urna quadrilunga del Camposanto; e Maestro Gerardo e Bonanno, il celeberrimo fonditore delle porte del Duomo pisano e di quelle di Monreale, che sterpò la via a Bartolomeo e Loteringio, legavano il loro nome alla Torre pendente; e Gruamonte, Adeodato e Biduino andavano ricercando tra i frammenti, le urne e i sarcofagi dell’età classica, la prima ispirazione all’arte loro; e Diotisalvi gettava le fondamenta del S. Giovanni e Maestro Guglielmo scolpiva il vecchio pergamo e Maestro Lupo ideava Santa Maria della Spina, e fra Guglielmo, il S. Michele di Borgo, dopo il divino fiorire di Nicola e Giovanni, iniziatori del grande rinascimento dell’arte italiana; dai bei tempi infine della libertà comunale al periodo di servitù fiorentina e poi a quello toscano, fino al ricongiungimento alla patria comune, Pisa ha saputo mantenere la gloria di una tradizione ch’è stata la sua forza e il suo orgoglio. Non si deve dimenticare che accanto alla architettura religiosa, chiesastica, Pisa ha creato una sua architettura civile di cui le vie anche secondarie offrono splendidi esempi e della quale i Palazzi dei Gambacorta sono testimonianza meravigliosa. E mentre la scuola di Niccola e Giovanni si diffondeva e si affermava ovunque col suggello della sua potenza, e l’arte scultoria che aveva gioito nel pulpito di Siena e di Pisa e poi in quello di Pistoia, nella fontana del Perugia e nelle Madonne piene di vita attestava la potenza del genio creatore, Andrea iniziava la corrente fiorentineggiante e Tommaso e Nino creavano, l’uno la pala del S. Francesco; l’altro le Madonne della Spina, soavi e pur piene di vita e di nobiltà, e le Annunciazioni marmoree e lignee, di che si adornano S. Caterina e il Museo. Nel lontano sec. XVI, Antonio e Isaia da Pisa, a Padova ed a Roma, durante il periodo della servitù fiorentina, mantenevano ancora al nome della loro città onore e decoro. – In un cenno di attualità come questo ci piace ricordare come ai giorni nostri l’arte scultoria nella terra nostra sia nobilmente rappresentata dal Griselli autore di pregiate opere a Roma e a Milano.

Anche nella pittura Pisa rappresenta un punto di partenza. Il suo Museo che per la raccolta dei primitivi è paragonato dal Salmi solo a quelli di Vich e di Barcellona, ne è testimonianza superba. Per opera di Giunta il Crocifisso dalla faccia lieta anche nella morte, adorno di storiette, si trasforma nel Cristo sofferente, sfinito, smunto, dalla testa piegata come in un primo sforzo di raggiungere effetti di scorcio, mai per l’avanti tentati. Quando frate Elia vuole adornare la sacra Chiesa di Assisi, vi chiama Giunta pisano come il pittore di maggior fama del tempo. Del suo secolo sono ancora Enrico e Ugolino di Tedice e Ranieri. Sul cadere del sec. XIV Pisa vanta Giovanni di Niccola, della maniera di Simone Martini, Bindo di Giucco e ancora Nello di Vanni, Neri di Nello, Iacopo di Michele detto il Gera, Cecco di Pietro, Getto di Iacopo, Bernando di Nello Falconi; ma sopra tutti volta com’aquila Francesco Traini, di cui oggi van rivelandosi la potenza e il genio meraviglioso attraverso le attribuzioni che a lui si fanno dei grandi affreschi della Passione di Cristo, del Trionfo della Morte e del Giudizio, in Camposanto, del S. Tommaso di S. Caterina, del S. Domenico nel Museo, del S. Michele nella Chiesa di Crespina, attraverso i quali egli si rivela il pittore più potente e più espressivo che la nostra terra abbia dato.

Tra il sec. XIII e il sec. XIV dobbiamo ancora ricordare Turino Vanni e Battista di Gerio. Con essi sembra estinguersi la polla pisana della pittura. Se non che tra il sec. XVI e il XVII sorgono Bacio e Aurelio Lomi che si perfezionò attraversò la pittura veneta, e Orazio Lomi Gentileschi, ottimo caravaggesco, a rinfrescare la vena; e più tardi, Artemisia Lomi, figlia dello stesso Orazio. Accanto ad essi non si possono dimenticare Orazio Riminaldi, l’affrescatore della Cupola del Duomo, il fratello Girolamo, Arcangela Paladini, G.B. Vanni, Ercole Bazzicaluva, Giovanni del Sordo detto il Mone, Pietro Ciafferi detto lo Smargiasso, Francesco Montelatici, Ranieri Paci, e nel sec. XVIII, Francesco e Giuseppe Melani, di cui ci limiteremo a citare la bella volta di S. Matteo, e Giovan Battista Tempesti.

Nel Secolo XIX è da ricordarsi Guglielmo Botti, il restauratore dell’arco dipinto da Taddeo Gaddi in San Francesco, rinnovatore del processo di dipingere a fuoco sul vetro, che sembrava ormai perduto. Ma la tradizione pittorica in Pisa non si arresta; giunge fino ai giorni nostri con Francesco e Luigi Gioli, con Amedeo Lori che si ricollegano, per la luminosità delle loro tele, per la visione dei paesaggi cogniti al nostro cuore, per la evidenza e sapienza del colore e la semplicità della tecnica, alla nobile scuole toscana; ma che, sopratutto compongono la sinfonia cromatica che più e meglio esalta la bellezza del nostro paesaggio pisano.

I Gioli provengono dalla bella schiera dei macchiaioli: Lega, Fattorini, Signorini, Cannicci, Cecconi, Ferroni.

Di Francesco Gioli, grande amico di G.Fattori, ricordiamo «Passa il viatico” in piena campagna toscana, ombreggiata da gattici fruscianti, «La signora affacciata al balcone», «La Processione in Piazza del Duomo» e certe scene pisane in cui l’evidenza del colore locale si rivela con spontaneità sorprendente. Luigi è il pittore dei cavalli, della piana delle nostre colline pisane; caro e dolce poeta della nostra terra meravigliosa; Luigi Amedeo Lori è il cantore di Bocca d’Arno. Pochi, come lui, hanno saputo rendere il paesaggio della Foce d’Arno, delle sue macchie, dei monti che lo incorniciano, e fermarne quella dolce malinconia che lo inghirlanda e lo rende suggestivo.

Odoardo Borrani, pur dei macchiaioli, si distingue dai compagni, come osserva di Lloyd, per la finezza del dettaglio che non offende né sminuisce l’effetto della interezza del quadro. Il Lloyd lo chiama «il fiammingo dei macchiaioli». Buon impressionista è anche Umberto Vittorini che sente la bellezza della città nostra che lo avvince ed ammalia. Né possiamo dimenticare, pure in un cenno rapido come questo, i nomi di Spartaco Carlini e di Ferruccio Pizzanelli, né non accennare alla crescente attività della Scuola d’arte di Cascina che ha valorosi maestri e ove vanno formandosi allievi che danno speranze di lieto avvenire.

Ci piace infine ricordare come anche certe arti minori che ebbero nel passato in Pisa il loro focolaio, rivivano ai giorni nostri per opera di oscuri intelligenti lavoratori: così l’oreficeria e l’arte della maiolica che ebbero tra noi cultori tanto valenti che, come scrive il Salmi, la loro influenza si sparse ovunque, fin nella Spagna, ove la maiolica aveva avuto, per evidenti ragioni storiche e geografiche, ampio svolgimento: Taddeo di Piero di Pone esegue per il Duomo di Valenza un «retablo» d’argento; Francesco Nicoluso, che si dichiara pisano, compone nella cappella dell’Alcazar una pala di «azuleios». Oggi in Pisa l’arte della maiolica rivive quasi per una necessità storica, come di obbedienza ad una tradizione che non può morire.

Abbiamo tracciato uno scheletrico riassunto delle ragioni storiche e sentimentali che dimostrano a sufficienza come Pisa possa e debba divenir centro di mostre annuali d’arte. Ma la dimostrazione più certa e più bella la dà la rispondenza che l'invito della Presidenza del Comitato Provinciale della Confederazione Professionisti ed Artisti, ha avuto tra i nostri artisti. Una nuova primavera è sorta d’improvviso e rigogliosa e bella, segno di tempi rinnovati, di ringiovanimento della stirpe. L’esposizione si apre sotto lieti auspici e noi ci auguriamo che sia antesignana, attraverso gli anni, di una lunga e duratura serie di altre mostre di arte e di bellezza.

 

 

------------------------------------------------------------

Il  Comitato Provinciale della Confederazione Professionisti ed Artisti si è fatto promotore di questa Mostra di pittura, scultura, artigianato, prima manifestazione d’Arte importante che avviene in Pisa dopo lunghi anni vissuti dalla città in silenzio, nella gelosa custodia dei suoi tesori incomparabili.

Il Sindacato Artisti si è sentito lusingato ed inorgoglito di questa speciale predilezione ed ha risposto in maniera insperabile. Il Concorso per il Cartello della Mostra stessa ha avuto un successo da meravigliare, tanto è stato il numero di concorrenti e l’espressione simpaticamente avanguardista, originale e vivace di alcuni soggetti. Ma il miracolo compiuto dalla nostra Organizzazione, sta in questo: la Confederazione Professionisti ed Artisti ha raccolto sotto i segni del Littorio la più ribelle categoria di artisti. Una volta non si poteva pensare ad un artista senza immaginarcelo solo, sdegnoso, ostile alla società. Così si credeva che l’artista non potesse essere tale senza questa speciale caratteristica, senza questo spirito di rivolta.

L’organizzazione sindacale porta invece l’artista a vivere più da vicino nella realtà della vita e della società e vuole assicurargli un sicuro avvenire. Le Casse mutue che si stanno istituendo danno questa certezza, le mostre che fioriscono da ogni parte permettono una più diffusa conoscenza delle opere, danno possibilità di guadagno ma sopratutto servono ad una salutare opera di selezione.

A poco a poco si sottrae l’artista dalla speculazione del commerciale avido, si dà all’artista una dignità e lo si porta a vivere profondamente la vita politica e culturale della Nazione.

L’azione valorosa dell’On. Oppo alla Camera dice l’importanza cui è assunta l’organizzazione sindacale nel campo dell’Arte.

Vogliamo perseverare tenacemente nel nostro lavoro, appena iniziato, sapendo di compiere opera profondamente morale e nazionale.

Dobbiamo esprimere la nostra gratitudine a Sua Eccellenza il Prefetto per l’aiuto dato alla riuscita di questa manifestazione e al Podestà On. Buffarini e al Segretario della Federazione Politica Ing. Cupello per il fraterno incoraggiamento.

Dobbiamo ricordare inoltre il Prof. De Bacci Venuti e l’Ing. Federigo Severini per l’opera Loro data alla perfetta organizzazione.

----------------------------------------------------------

 

La Mostra

------------------------------------------------------------

SALA PRIMA

Conti Alfredo

  1. Gli alzaioli
  2. Natura morta
  3. Garofani rossi
  4. Tombolo – Lama dei cavalli
  5. Casa di torretta
  6. Il cavo
  7. Bilance a bocca d’Arno
  8. Dal fosso di colmata
  9. Luci sull’Arno
  10. Autoritratto – bozzetto di monumento ai Caduti (scultura)

 

Gambassi Vincenzo

11.  Tramonto (pastello)

12.  Nevicata     (olio)

13.  La mucca       “

14.  Solitudine      “

15.  Il mio paese   “

16.  Ricordi medioevali  (acquarello)

17.  Cipressi

18.  Mattino       (olio)

 

Gentilini Nello

19.  Strada di Condotti – Paesaggio Pisano (tela)

20.  Pioppi                   (su tavoletta)

21.  Casa campestre            “

22.  Pagliai                          “

23.  Pastorale                       “

24.  Ora di riposo                 “

25.  Verso Pisa                      “

26.  Piccolo paesaggio          “

27.  Profilo di cieca     (tela)

28.  Piazza della Berlina – Notturno (su tavoletta)

29.  Padule di Asciano                               “

30.  Paesaggio – Bianco e nero

31.  Paesaggio – Bianco e nero

32.  Sole invernale       (su tavoletta)

33.  Pianura Pisana              “

 

Novi Ivo

34.  Mattino

35.  Il ponte

36.  Mulinetto

37.  Cucina rustica

38.  La casa rossa

39.  Cortile rustico

 

Pertici Menotti

40.  Studio di giovane donna (pastello)

41.  Studio di testa virile            “

42.  Studio di paese                    “

43.  Pifferaro (tempera)

44.  Fiori          (pastello)

45.  Paese del Valdarno (su tela).

 

Pizzanelli Ferruccio

46.  Mattino sull’Arno

47.  Primavera nel chiostro

48.  Albero in fiore

49.  Le piaggie

 

Pizzarello Salvatore

50.  Notturno in Oriente (olio)

51.  Processione  (pastello)

52.  Vicolo (olio)

 

Salvestrini Decio

53.   Nevicata – Via della Fortezza   (olio)

54.   Fiori, cinerarie                               “

55.   Mucche a riposo – I                      “

56.   Mucche a riposo – II                      “

57.   Mucche a riposo – III                    “

58.   Mucche a riposo – IV                    “

  1. Non si addormenta                          “
  2. Tramonto al Giardino Scotto          “
  3. Interno S. Francesco (Pisa – acquarello).
  4. …….In fiore
  5. I pettirossi – (studio)
  6. Alla spiaggia – (impressione)
  7. Il tempo minaccia
  8. In pineta – (impressione)
  9. Le rose
  10. Pagliai

 

Scomparin Cesare

  1. Tramonto sul porto
  2. Ultime luci
  3. Natura morta
  4. Natura morta
  5. Natura morta
  6. Marina
  7. Cielo rosso
  8. Laguna
  9. Chiaro di luna
  10. Bilancia

 

Sementa Eugenio

  1. Mattino
  2. Maremma toscana  (paesaggio)
  3. L’ora del pranzo
  4. Tramonto  (paesaggio)
  5. Cipressi
  6. Portico  (paesaggio)
  7. Sull’Arno      “
  8. Meriggio       “
  9. Vento           “

 

Sirletti Augusto

  1. Natura Morta
  2. Paesaggio

 

Vittorini Umberto

  1. Aia toscana
  2. Lungo l’Arno a Pisa
  3. Bosco a Marina di Pisa
  4. Bosco al Tramonto
  5. Stradina ombrosa – Campagna lombarda
  6. Sera sul Lago d’Iseo
  7. Mare di scirocco a Nervi
  8. Capanne da pesca a Marina di Pisa
  9. Casa colonica al limite del bosco
  10. Pineta al tramonto
  11. Veduta di Sturla
  12. Ponte sul canale dei Navicelli (Pisa)

 

Viviani Giuseppe

  1. Marinaio                      (olio)
  2. Bocca d’Arno                “
  3. Pagliaio                          “
  4. Neve                              “
  5. Lavoranti sul mare          “
  6. Casolare                          “
  7. Casolare                          “
  8. Paesaggio                        “
  9. Paesaggio                        “
  10. Paesaggio                        “

 

 

 

SALA SECONDA

Acquaviva Giovanni

  1. L’arciere
  2. Gondole
  3. L’aquilone
  4. Pesca miracolosa
  5. Platano
  6. Paesaggio
  7. Ritratto N. 1
  8. “       N. 2

 

Cerri Guido

  1. Nudo
  2. Stornellata a sera
  3. Studioso
  4. Vecchio mercato
  5. A veglia
  6. Meriggio
  7. Notturno
  8. Casa abbandonata

 

Dell’Acqua Alberto

17.  Tramonto sulla Grigna

18.  Fondo di Valle

19.  Le due betulle

20.  S. Rossore – Nevicata

21.  Lago di Lecco

22.  Marina  I

23.  Marina  II

24.  Marina  III

25.  Nevicata lungo l’Arno

26.  Valle Ticino

27.  Viale ombreggiato

28.  Pecore

29.  Tramonto a S. Rossore

30.  La betulla

31.  S. Rossore – Fiume morto

32.  Casa rustica

33.  Tramonto nella macchia

34.  Nella macchia. – Viale

35.  Nella macchia. Acquitrini

36.  Cipressi

 

 

SALA TERZA

Chiaramonti Giovanni

  1. 1.   Nostalgie del mare
  2. Alla prima messa
  3. Chiesa di S. Francesco – Interno (Pisa
  4. Tramonto (Museo – Pisa)
  5. Sulla sera
  6. Pagliai
  7. Interno della Chiesa di S.Matteo (Pisa)
  8. Il sole dopo la nevicata
  9. Alle Piagge (Pisa)
  10. Chiesa della Madonna dell’Acqua (Pisa)
  11. Il Calzolaio
  12. In cucina
  13. Ritorno (Ponte delle Mammozze)
  14. A bocca d’Arno
  15. Via delle Tiratoie
  16. In montagna
  17. Alle fonti del Clitunno
  18. Mareggiata
  19. Ricordi e rimpianti
  20. Il cinquale (Marina di Massa)
  21. Marina di Pisa (Fortino)
  22. Chiesetta di S. Zeno (Pisa)
  23. Tramonto – Nell’Umbria
  24. Una via solitaria (Pisa)
  25. Vecchia sacrestia    “
  26. Ore tranquille (bozzetto)
  27. Il Cimitero dei soldati ignoti (Schio)



De Bacci Venuti Gualtiero

28.  Frate Angelico

29.  La morte della Madonna

30.  Ritratto

31.  Mattino invernale – Sui Lungarni

32.  Savonarola

33.  Galileo

34.  Paggio falconiere

 

Gioli Luigi

35.  Val di Cecina

 

Severini Federigo

36.  La Pineta di Tombolo

37.  Mio Padre

38.  Sulla spiaggia (Marina di Pisa)

39.  Boccadarno

40.  Le Apuane da Torre del Lago

41.  Il canale dei navicelli a Castagnolo

42.  Marina da mezza spiaggia

43.  Marina di Pisa - Al Lido

44.  Marina di Pisa - Il Lido

45.  Boscolungo – Fontana a Mastrocarlo

46.  Il Calambrone

47.  Camposanto urbano

48.  Presso l’Abetone

 

 

SALA QUARTA

Artigianato

  1. Topi Egidio e Figli – Lavorazione in Alabastro – Volterra.
  2. Scuola Pisana della Vetrata – Pisa.
  3. Terre Cotte Artistiche di Pisa – Via S. Zeno – Pisa.
  4. Società Ceramica Artistica Pisana – Via S. Michele degli Scalzi – Pisa.
  5. Gucci e Lupetti – Mobili Antichi – Via S. Maria 67 – Pisa.
  6. Cristallerie G. Genovali e C. – Via Andrea Pisano, 19 – Pisa.
  7. Mosti Umberto – Ferro Battuto - Via S. Martino 37 – Pisa.
  8. Titta Lelio – Ferro Battuto – Via Manzoni, 12 – Pisa.
  9. Mazzini Antonio – Lavorazione Alabastro – Via XX Settembre – Volterra.

10.  Alunni della Scuola Industriale di Pisa.

 

 

SALA QUINTA

Morozzi Dante

  1. Disegni.

Paoli M.

  1. Disegni.

 

 

 

SALA SESTA

Bechini Alberto

  1. Xilografie.

Bozza Filiberto

  1. Natura morta
  2. Pineta
  3. Pineta
  4. Arnino
  5. Pagliai

Casieri Manlio

  1. Disegno a penna
  2. Paesaggi – (quadri a olio)

Marroni Enrico

  1. La via della felicità – Notturno
  2. La riviera e la notte
  3. Sinfonia d’oro – Tramonto
  4. Primo mattino
  5. Strada per Massaciuccoli
  6. L’argine verso Pontasserchio
  7. Tramonto sul lago di Massaciuccoli
  8. I gabbiani
  9. La pesca notturna dei polpi
  10. Strada di Riviera – Recco
  11. Tramonto a Montenero
  12. Stradone di San Giuliano
  13. A sera – Inverno Pisano
  14. Barche a riposo
  15. Piazzetta della Terme
  16. Canzone eterna (marcia)
  17. Chiesa (San Giuliano)
  18. Nido di pescatori (Camogli)
  19. Carrettieri del Serchio

Rossi Curzio

  1. Autoritratto
  2. Paesaggio

 

 

SCULTURE

Benassi Giorgio

  1. Ritratto del Padre (gesso)
  2. Venditrice

 

Bechini Alberto

  1. Busto del Duce
  2. Busto di S.E. Mascagni
  3. Medaglioni
  4. Pannello decorativo

 

Bicchi Silvio

  1. Cane
  2. Cavallo

 

Cini Sirio

  1. Madonna col bambino (gesso)
  2. Autoritratto

 

Griselli Italo

  1. Le Grazie
  2. Aquila
  3. Bagnanti
  4. Ritratto al Pittore Carena

 

Morozzi Dante

  1. 3 Ritratti del Cardinale Maffi (bronzo, gesso, legno)
  2. Ritratto del Prefetto (bronzo)
  3. Ritratto al Podestà di Cascina
  4. Atleta – Statua di 2 metri (gesso)
  5. Atleta –      “            “            “
  6. Pietà – Gruppo – Metà del vero (in legno)
  7. Testa di ragazzo (in bronzo)
  8. Figuretta di atleta      “
  9. Nudo di donna           “
  10. Nudo di donna (terra cotta)
  11. Ritratto della Signora Morozzi (bronzo)
  12. David

 

Paoli M.

  1. Sonatore                        (scultura in gesso)
  2. Ballerini                         (scultura in gesso).
  3. Pastorello                                  “
  4. Pastorello                                  “
  5. Vendemmia                               “
  6. Disegni

 

Said Morsi Sadech

  1. Nudo di donna (gesso)
  2. Arabo in riposo

 

Trivella Silvio

  1. Mucca  (gesso)
  2. S. Giuseppe (creta)